Documento del Liceo Scientifico Statale “G. Vailati” di Genzano di Roma

24 Ott

I docenti del Liceo Scientifico “Giovanni Vailati” di Genzano si uniscono alla protesta di scuole, istituti e licei di Roma e provincia denunciando quanto riportato nella proposta di governo interna alla legge di Stabilità 2013.


L’art. 3 della stessa legge impone agli insegnanti della scuola secondaria di primo e secondo grado l’aumento di 6 ore settimanali con un incremento di un terzo dell’orario di lavoro dei docenti a parità di salario.
Il provvedimento interviene su una materia che, in base alla Costituzione della Repubblica, è regolata da contratti liberamente sottoscritti fra le parti e impone dall’alto prestazioni di lavoro non previste nel CCNL attualmente in vigore (ma comunque scaduto da 2 anni). Chiunque operi nel settore della scuola, infatti, sa bene che le ore di lezione frontali sono soltanto una parte dell’attività di un docente, che spende la propria professionalità nella preparazione delle medesime, nella elaborazione e correzione dei compiti in classe, nei ricevimenti delle famiglie, nella programmazione e nelle attività collegiali.
La precaria situazione in cui versa la scuola italiana, privata di fondi, di un numero idoneo di personale docente e ATA, di strutture adeguate e laboratori efficienti, vedrà nell’aumento dell’orario di lavoro NON un incremento delle ore di lezione impartite in una singola classe (che anzi sono state notevolmente diminuite dalla Riforma Gelmini), ma un numero maggiore di classi assegnate al singolo docente che sempre meno sarà in grado di rispondere alle reali esigenze di una didattica vicina ai bisogni degli studenti e alle aspettative delle famiglie.
Per questo ed altri motivi, i docenti del Liceo “G. Vailati” aderiscono, sottoscrivendole, le seguenti forme di protesta:
Indizione di assemblee aperte a tutto il personale della scuola, agli studenti ,alle famiglie ed a rappresentanti di altre scuole nei giorni di martedì 6 novembre e giovedì 8 novembre da tenersi nei locali dell’istituto dalle ore 15,00 alle ore 17,00;
Richiesta di assemblea dei lavoratori nelle prime due ore di lezione per la giornata del 13 novembre in contemporanea ad altre scuole di Roma e Provincia;
Sottoscrizione di una PETIZIONE PUBBLICA http://www.petizionepubblica.it/?pi=P2012N30283 da parte dei singoli lavoratori;
Costituzione di una rete di scuole che vogliano impegnarsi ad avviare una serie di iniziative che coinvolgano studenti e genitori;
Sciopero con manifestazione nazionale il giorno 24 novembre.
Notte bianca delle scuole
Altre forme di manifestazione di dissenso sono tuttora al vaglio del personale scolastico che ipotizza il blocco totale di tutte le attività accessorie e non obbligatorie deliberate dal Collegio dei Docenti per l’anno in corso. In queste attività rientrerebbero: i viaggi d’istruzione, i progetti non strettamente correlati all’attività didattica, la partecipazione a commissioni, gli incarichi di coordinatore di classe, di dipartimento, ecc.
Genzano,22 ottobre 2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...