MOZIONE COLLEGIO DOCENTI IC Milanesi

30 Ott

MOZIONE COLLEGIO DOCENTI ISTITUTO COMPRENSIVO “GUIDO MILANESI” via Tropea 26 00178 Roma 18^ Distretto

 

Il Collegio Docenti dell’Istituto Comprensivo “Guido Milanesi”, riunitosi in data 25/10/2012, esprime grave preoccupazione, indignazione e profondo dissenso nei confronti delle scelte politiche del Ministro Profumo e più in generale del Governo Monti fortemente punitive verso la scuola pubblica, caratterizzate da tagli di risorse e personale, attuati in forme diverse e non sempre trasparenti, nonché da una martellante svalutazione della professionalità e della libertà di insegnamento.

Il Collegio Docenti dell’Istituto Comprensivo Guido Milanesi di Roma esprime netta contrarietà ai seguenti provvedimenti all’ordine del giorno dell’agenda politica:

  • Il Decreto Stabilità che, ignorando le norme liberamente sottoscritte dalle parti nel CCNL 2006/09, aumenta l’orario di insegnamento settimanale da 18 a 24 ore, con 6 ore in più non retribuite in cambio della possibilità di 15 giorni in più di ferie da fruire nel periodo estivo. Si tratta di un provvedimento che avrà forti incidenze negative sulla didattica e l’apprendimento e un attacco inaccettabile al lavoro degli insegnanti che si troverebbero ad operare in un numero maggiore di classi con conseguente impoverimento della qualità della didattica e della relazione docente/discente.
  • Il Collegio dei Docenti sottolinea che un insegnamento di qualità richiede, a fronte di 18 ore di lezioni frontali, molte ore di lavoro dedicate ad attività di:
  • programmazione
  • studio e aggiornamento
  • preparazione delle lezioni e delle verifiche scritte
  • correzione verifiche
  • coordinamento e verbalizzazione
  • progettazione
  • comunicazione con i genitori
  • programmazione di interventi individualizzati per i ragazzi disabili o con disturbi specifici di apprendimento
  • organizzazione di visite e viaggi di istruzione
  • rapporti con istituzioni esterne

Le suddette attività sono da ritenersi non accessorie, ma di fondamentale importanza per una didattica efficace e formativa ed esulano dalle 18 ore sopracitate e si vanno ad aggiungere alle ore di lavoro antimeridiane e pomeridiane obbligatorie che i docenti effettuano per partecipare alle attività collegiali della scuola( consigli di classe, collegi docenti, ricevimento genitori, scrutini ed esami ).

L’applicazione di questo provvedimento avrebbe inoltre conseguenze devastanti in quanto comporterebbe la perdita di decine di migliaia di cattedre ricoperte da anni da docenti precari.

Ma, soprattutto, accettare di lavorare senza e contro quanto stabilito dal Contratto nazionale significherebbe, per il personale della scuola, aprire il varco a ogni ulteriore peggioramento delle sue già pessime condizioni di lavoro e retributive

Infine il Collegio Docenti dell’Istituto Comprensivo “Guido Milanesi” ricorda che tali proposte vengono ad insistere su una scuola già stremata dai tagli della finanziaria Tremonti e dagli effetti deleteri della riforma Gelmini, in particolare, sulla scuola Primaria.

il ddl 953 ex Aprea, il progetto di riforma degli organi collegiali che restringe gli spazi di democrazia, aprendo la strada all’autonomia statutaria di ogni singola scuola, la conseguente messa in discussione di un sistema nazionale pubblico dell’istruzione e la pericolosa accelerazione sul ruolo dei soggetti privati che avranno la possibilità di entrare a far parte degli organi collegiali e in ragione del loro finanziamento esterno influenzare pesantemente il Piano dell’Offerta Formativa.

-Inoltre, dopo la rottura del tavolo tra MIUR e Organizzazioni Sindacali lo scorso 11 ottobre sul pagamento degli scatti di anzianità per l’anno scolastico 2011/12, il Collegio Docenti dell’Istituto Comprensivo “Guido Milanesi” chiede con forza al Ministero di stanziare subito tutte le risorse utili alla copertura totale degli scatti senza ulteriori decurtazioni dal bilancio della scuola pubblica, anche e soprattutto alla luce degli ultimi stanziamenti ad hoc per il comparto della scuola privata.

-Ad aggravare tale situazione, la legge 135 del 7 agosto 2012 ha stabilito che al collaboratore che sostituisce il Dirigente Scolastico nei periodi di assenza superiore a 15 giorni non può essere liquidato alcun compenso o indennità in quanto il lavoro che svolge in quel periodo non “costituisce affidamento di mansioni superiori o di funzioni vicarie” In realtà, tale docente ha la delega alla firma degli atti di qualsiasi natura (giuridica e finanziaria) nei sopracitati periodi e si assume responsabilità non di sua ordinaria competenza. Eventuali compensi dovranno essere attinti dalle esigue casse del Fondo dell’Istituzione Scolastica a scapito di ampliamenti dell’offerta formativa.

Visto quanto sopra esposto e in ragione della estrema gravità di quanto precede, il Collegio dei docenti dell’Istituto Comprensivo “Guido Milanesi”assume le seguenti azioni di protesta in accordo con analoghe iniziative delle scuole di Roma (Coordinamento Scuole Roma):

1) Il Collegio promuove iniziative di sensibilizzazione delle famiglie e della cittadinanza attraverso assemblee aperte. Dispone che questo documento sia pubblicato tempestivamente e con la massima evidenza sulla pagina di apertura del sito Internet della scuola, utilizzando il web come strumento prioritario della protesta in atto.

2) Richiede formalmente a tutti i suoi membri di rassegnare le proprie DIMISSIONI da ogni incarico previsto nell’organigramma dell’Istituto (figure strumentali, responsabili dipartimento e area, coordinatori e segretari di classe, ecc.) fino 31 dicembre 2012.

Restano in carica per l’ordinaria amministrazione:

a) Il collaboratore vicario e il secondo collaboratore vicario: in quanto nominati dal DS;

b) I responsabili delle sedi staccate (san Tarcisio e Mattei)

 

3) BLOCCO (fino ad avvenuto ritiro dell’Art. 3 della Legge di stabilità) delle uscite didattiche e dei viaggi d’istruzione.

 

4) BLOCCO (fino ad avvenuto ritiro dell’Art. 3 della Legge di stabilità) di tutte le attività extracurriculari non esplicitamente previste dal CCNL come obbligatorie (Progetti, Corsi recupero/consolidamento e potenziamento, Corsi alfabetizzazione per alunni stranieri, Laboratori scientifici, Corsi di strumento musicale).

 

5) SOSPENSIONE DELL’APPROVAZIONE DEL POF e relativo congelamento fino ad avvenuto ritiro dell’Art. 3 della Legge di stabilità.

 

6) Promozione di un COMITATO D’AGITAZIONE aperto a tutte le componenti della comunità scolastica.

 

7) Rinvio dei consigli di classe/interclasse e intersezione con eventuale partecipazione dei docenti limitata alla sola presenza (fino ad avvenuto ritiro dell’Art.3 della Legge di Stabilità).

 

8) BLOCCO dei colloqui settimanali con le famiglie (fino ad avvenuto ritiro dell’Art.3 della Legge di Stabilità).

DIFENDIAMO LA SCUOLA PUBBLICA!

DIFENDIAMO LA DIGNITÀ DEGLI INSEGNANTI!

Per salvaguardare la conoscenza quale bene comune e per restituire dignità al lavoro dopo anni di tagli e assenza di progetto educativo complessivo.

Roma, 25/10/2012 Il Collegio Docenti I.C. “G. Milanesi”

Delibera approvata a maggioranza

c MOZIONE COLLEGIO DOCENTI

 

(PROLUNGAMENTO ORARIO, DDL 953 E SCATTI DI ANZIANITA’)

 

 

Il Collegio Docenti della scuola_______________________________ esprime grave preoccupazione, indignazione e profondo dissenso nei confronti delle scelte politiche del Ministro Profumo e più in generale del Governo fortemente punitive verso la scuola pubblica, caratterizzate da tagli di risorse e personale, attuati in forme diverse e non sempre trasparenti. nonchè da una martellante svalutazione della professionalità e della libertà di insegnamento.

 

Il Collegio Docenti della scuola____________________________________esprime netta contrarietà ai seguenti provvedimenti all’ordine del giorno dell’agenda politica:

 

– ddl 953 ex Aprea, il progetto di riforma degli organi collegiali che restringe gli spazi di democrazia, aprendo la strada all’autonomia statutaria di ogni singola scuola, la conseguente messa in discussione di un sistema nazionale pubblico dell’istruzione e la pericolosa accelerazione sul ruolo dei soggetti privati che avranno la possibilità di entrare a far parte degli organi collegiali e in ragione del loro finanziamento esterno influenzare pesantemente il Piano dell’Offerta Formativa.

 

– il Decreto Stabilità che aumenta l’orario di lavoro settimanale da 18 a 24 ore, con 6 ore in più non retribuite in cambio della possibilità di usufruire di 15 giorni in più di ferie da maturare nel periodo estivo: un vero e proprio scippo alle prerogative del CCNL 2006/09, un provvedimento che avrà forti incidenze negative sulla didattica e l’apprendimento e che chiuderà, al pari del concorso a cattedre appena bandito dal Ministero, la porta all’insegnamento a circa 30.000 precari inseriti nelle graduatorie;

 

Inoltre, dopo la rottura del tavolo tra Miur e Organizzazioni Sindacali lo scorso 11 ottobre sul pagamento degli scatti di anzianità per l’anno scolastico 2011/12, il Collegio Docenti della scuola___________________________chiede con forza al Ministero di stanziare subito tutte le risorse utili alla copertura totale degli scatti senza ulteriori decurtazioni dal bilancio della scuola pubblica, anche e soprattutto alla luce degli ultimi stanziamenti ad hoc per il comparto della scuola privata.

 

Il Collegio Docenti della scuola____________________________, infine, a riguardo ogni forma di contrasto e resistenza a tali scelte politiche e provvedimenti, anche in collaborazione con le altre componenti (ATA, studenti, genitori) e con altre scuole del territorio.

 

Per salguardare la conoscenza quale bene comune e per restituire dignità al lavoro dopo anni di tagli e assenza di progetto educativo complessivo.

 

 

 

Luogo e Data Numeri Approvazione

 

Bersani, dopo l’incontro del 24/10/2012 con il Presidente Monti, per quanto riguarda la scuola, ha dichiarato: “incontro buono”, nel corso del quale “ho avuto modo di esporre le nostre ragioni e i problemi che ravvisiamo, con le soluzioni plausibili”. “La scuola, che è stata troppo colpita. Bisogna fermarsi, e con un po’ di calma fare un ragionamento di riforma dialogando con tutti. Abbiamo quindi chiesto che le norme, o buona parte di esse, vengano riconsiderate

 

Petizione pubblica contro le 24 ore:

 

http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=scuola01

ANDISP

http.//andisp.altervista.org

 

Prossime iniziative

 

 

L‘assemblea del Coordinamento cittadino delle scuole di Roma si svolgerà il prossimo venerdì 26 Ottobre alle ore 16,00 presso

Il cielo sopra l’Esquilino”, Via Galilei, 57, nei pressi di Piazza Vittorio, fermata metro A Manzoni.


Appuntamento per lo spezzone della scuola e università alla manifestazione No Monti Day:

sabato 27 ottobre ore 14 in piazza dei Cinquecento, vicino al Museo Nazionale Romano.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...