ASSEMBLEA SINDACALE DEI LAVORATORI E DELLE LAVORATRICI DEL LICEO SCIENTIFICO “LOUIS PASTEUR” DI ROMA DEL 23/11/2012

8 Dic

Bilancio della mobilitazione contro gli attacchi del governo Monti alla scuola pubblica

I lavoratori del liceo scientifico “Louis Pasteur” di Roma registrano un bilancio positivo dell’attuale mobilitazione contro gli attacchi del governo Monti all’istruzione pubblica ed intendono continuarne il percorso per la salvaguardia del diritto allo studio, del diritto al lavoro, del contratto di lavoro, della democrazia nella scuola, del libero pensiero, e per l’accrescimento delle risorse economiche destinate alla scuola pubblica.

Con la decisione del collegio dei docenti di avviare un ciclo di tre settimane di “didattica essenziale” gli insegnanti del liceo “Pasteur“ hanno posto all’attenzione degli studenti e delle loro famiglie la minaccia del governo italiano (Legge di stabilità 2013) di accrescere di sei ore settimanali l’orario lavorativo dei docenti a parità di stipendio. Portando in classe il lavoro che quotidianamente svolgono a casa, gli insegnanti stanno informando il territorio sui reali tempi lavorativi della professione docente, sulla campagna denigratoria in atto che li dipinge come fannulloni, sull’abbassamento della qualità della didattica che deriverebbe da un ulteriore sovraccarico di lavoro.

Con la partecipazione alle manifestazioni cittadine del 10 e del 14 novembre in difesa della scuola pubblica, del lavoro e contro le politiche di austerità del governo dettate dalla Banca Centrale Europea, i lavoratori del liceo “Pasteur” hanno intrapreso un percorso di mobilitazione unitaria con gli studenti, nel rispetto delle reciproche autonomie decisionali, aggiungendosi alle migliaia di persone che hanno protestato nelle piazze d’Italia e d’Europa.

I lavoratori del liceo “Pasteur” hanno inoltre aderito massicciamente allo sciopero generale europeo del 14 novembre, esprimendo la volontà di costruire un’azione non corporativa e solidale con tutte le categorie del lavoro a livello nazionale e internazionale.

L’assemblea valuta positivamente nel suo complesso l’estendersi del movimento contro la distruzione della scuola pubblica ed in particolare il determinante contributo della componente studentesca.

I lavoratori condannano le politiche repressive e la violenza poliziesca scatenate contro gli studenti al corteo del 14 novembre. Tale comportamento delle forze dell’ordine ha messo in pericolo l’incolumità fisica dei ragazzi ed è in netto contrasto con la massima funzione della scuola, la formazione dell’uomo e del cittadino democratico, consapevole di diritti, libero dalla paura, garantito e non intimidito dalle istituzioni.

L’assemblea registra che la mobilitazione ha già imposto i primi passi indietro al governo sulla questione delle 24 ore e sulla violenza poliziesca al corteo del 14 novembre (vedi “ammissioni di colpa”). Anche in ambito sindacale si diradano le nubi: accordandosi con il governo e revocando lo sciopero e la manifestazione del 24 novembre, alcune sigle sindacali hanno mostrato apertamente la propria complicità con le politiche governative di distruzione della scuola pubblica.

La mobilitazione continua

L’assemblea, nonostante gli importanti risultati raggiunti, considera ancora immutata l’essenza dell’attacco alla scuola pubblica e ai diritti dei lavoratori, inoltre decide di continuare la mobilitazione e d’innalzarne il livello contro:

– la Legge 953 (ex Aprea);

– i finanziamenti alla scuola privata;

– l’impoverimento della scuola pubblica;

– l’espulsione dei precari (docenti e ATA) dalla scuola;

– il concorso truffa;

– la “deportazione” dei docenti inidonei all’insegnamento;

– il blocco dei contratti e degli scatti di anzianità.

L’assemblea dunque aderisce alla manifestazione del 24 novembre e s’impegna ad organizzare varie iniziative insieme a studenti, genitori e cittadini (ad esempio lezioni in piazza, conferenze, cortei, ecc.) per informare la città sul terremoto che sta investendo la scuola pubblica.

L’assemblea si dichiara aperta alle proposte di collaborazione degli studenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...