Report dell’assemblea del Coordinamento scuole di Roma del 9 gennaio

10 Gen

Mercoledì 9 gennaio dalle ore 16,30, presso l’I.P.S. “J. Piaget”, si è tenuta l’assemblea del Coordinamento Scuole Roma.
All’ordine del giorno, la costruzione della manifestazione del 2 febbraio, sollecitata dall’assemblea del Coordinamento Nazionale delle Scuole il 16 dicembre scorso, mediante cui promuovere una piattaforma che coinvolga l’intero settore della formazione contro la privatizzazione, l’aumento dell’orario di lavoro, il precariato e a favore del rifinanziamento della scuola pubblica.
L’assemblea ha avuto carattere operativo. Tra le proposte condivise:

–       l’elaborazione di un volantino inerente la mobilitazione del 2 febbraio che, a breve, si renderà disponibile sul sito del Coordinamento per poi essere diramato nelle scuole ed anche, eventualmente, usato come base per chiedere alle RSU l’indizione di assemblee finalizzate ad informare docenti e genitori;

–       l’allargamento della mobilitazione a tutti i lavoratori della scuola, ovvero docenti, ATA, cooperative ed Assistenti educatori, nonché agli studenti ed alle famiglie, includendo i lavoratori della Sanità ed i movimenti per l’Acqua Pubblica, in quanto anch’essi fortemente colpiti dalla politica dell’austerity. A tal fine, dopo aver contattato le varie rappresentanze, si prevede la convocazione di un’assemblea di tutte le forze in campo, che si terrà probabilmente il 23 gennaio;

–       il rilancio della discussione con le forze politiche e sindacali, affinché decidano di aderire alla manifestazione del 2 febbraio, fornendo strumenti e risorse utili. L’Unione Sindacale Italiana (U.S.I.) ha già dichiarato l’intenzione di convocare uno sciopero in data suddetta, per agevolare così la partecipazione dei colleghi provenienti da altre regioni;

–       l’invito a tenere vivo il sito del Coordinamento Nazionale Scuole ed a promuoverne la conoscenza;

–       la convocazione di una manifestazione, da tenersi durante il mese di gennaio, che preceda e lanci il corteo del 2 febbraio. In tal senso, si potrà decidere se agganciarsi ad una delle altre mobilitazioni che si svilupperanno nei municipi romani oppure crearne una ex-novo;

–       l’istituzione di una commissione che si occupi della comunicazione con le reti televisive e le testate giornalistiche, per una maggiore pubblicizzazione degli eventi di lotta;

–       la campagna informativa, rivolta alle famiglie, da promuovere durante gli Open Day.

Dal dibattito è emersa l’indignazione verso l’approvazione, nella Legge di Stabilità, dell’art. 1 comma 149 mediante cui si dispone che, dal 2014, le scuole con gli studenti “più meritevoli” saranno quelle a cui verranno destinate le maggiori risorse finanziarie; a tal fine, si è suggerito di intraprendere nei prossimi mesi una lotta significativa contro l’Invalsi ed i suoi criteri di valutazione. È stata ribadita, inoltre, la necessità di riportare il conflitto nelle scuole, durante il periodo di iscrizioni ormai alle porte, affinché non si ripeta lo scempio delle “classi pollaio”.

Il 18 gennaio, presso il liceo “Aristofane”, si terrà la Notte Bianca “Per una scuola di sana e robusta Costituzione”. La prossima assemblea del Coordinamento Scuole Roma è convocata presso il liceo “Cavour” in data da definirsi.

Annunci

3 Risposte to “Report dell’assemblea del Coordinamento scuole di Roma del 9 gennaio”

  1. coordscuoleroma2012 10 gennaio 2013 a 19:01 #

    Reblogged this on Coordinamento Nazionale Scuola.

  2. elisa 10 gennaio 2013 a 20:54 #

    perchè proprio uno sciopero?Non è fattibile un corso di aggiornamento!!!!!!!!!!!

  3. Gigliola D'Avolio 12 gennaio 2013 a 19:31 #

    Sono una docente dello scientifico Severi di Milano, che ha partecipato compatta al blocco delle attività non obbligatorie, facciamo parte del coordinamento milanese ‘nemmenounoradipiù’, mailing list creatasi a seguito delle assemblee rsu di ottobre scorso, siamo per la costruzione di un coordinamento nazionale e alcuni di noi sono peruna ‘costituente della scuola’, per superare la difesa puramente sindacale delle ns condizioni di lavoro e creare dibattito, che ci appartiene, su cosa vogliamo che sia la scuola oggi.
    Saluti,
    Gigliola D’Avolio
    docente d’inglese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...