Report assemblea del 27 marzo

30 Mar

Si è svolta il 27 marzo l’assemblea del Coordinamento delle scuole di Roma.

La scuola si trova nella situazione paradossale che un ministro dimissionario continua, a forza di decreti, a prendere provvedimenti che non sono affatto limitati al funzionamento ordinario, ma incidono strutturalmente su una istituzione già ampiamente indebolita. Il blocco del contratto dei lavoratori della scuola con la crescente perdita di potere d’acquisto dei salari; il decreto sulla valutazione del sistema scolastico; i ripetuti annunci sulle sperimentazioni volte a ridurre la durata dei cicli di istruzione; la drastica riduzione dei pensionamenti; il blocco degli organici a fronte della crescita della popolazione scolastica ora misurata aritmeticamente con le iscrizioni on line; l’ampliamento della precarizzazione dei lavoratori della scuola con le politiche confuse e contraddittorie del concorso, del TFA e dei TFA speciali; la crescente contrazione delle ore del sostegno e i cosiddetti BES; la speculazione sulle mense scolastiche; questi e gli altri provvedimenti simili, assunti senza alcun rispetto per le normali procedure democratiche e sottratti a qualsiasi possibilità di intervento del parlamento o delle forze sociali, costituiscono un attacco complessivo portato da più fronti con l’obiettivo unitario di screditare l’istruzione pubblica a ovvio vantaggio di quella privata e di indebolire progressivamente i diritti di chi nella scuola lavora. Il tutto in un quadro politico post-elettorale di totale impasse.

Di fronte a una situazione così complessa, si è sottolineato come sia necessario, pur nella difficoltà di riattivare una mobilitazione analoga a quella dell’autunno scorso, ricompattare tutte le componenti della scuola con le quali avviare un percorso di analisi complessiva di quanto sta accadendo, e rispondere all’agire antidemocratico del ministro Profumo e all’immobilismo della politica ribadendo che il movimento della scuola non subisce inerte questa devastazione da ultimi giorni.

Si è deciso pertanto di organizzare per il 21 Aprile una giornata seminariale in cui approfondire la conoscenza di ciò che realmente comporteranno gli ultimi provvedimenti analizzando il processo storico da cui scaturiscono. In particolare i temi da affrontare sono: la valutazione del sistema scolastico; i lavoratori della scuola e il lavoro dopo i governi Berlusconi – Monti; il ruolo e la condizione degli studenti; la partecipazione delle famiglie alla gestione della scuola.

Inoltre di svolgere pubblicamente la prossima assemblea del coordinamento, il 18 aprile a Montecitorio; sarà l’occasione per distribuire ai parlamentari un volantino documento che ribadisce la posizione del coordinamento su difesa e rilancio della scuola pubblica.

Di aderire infine alle iniziative già in calendario: il presidio organizzato dalla CGIL il 10 aprile al MIUR sul tema del precariato; il sit in al Campidoglio l’11 aprile sulla ristorazione scolastica; lo sciopero indetto a maggio dai COBAS durante i giorni dello svolgimento delle prove INVALSI.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...