APPELLO e ASSEMBLEA CITTADINA per rilanciare la lotta in difesa dei lavoratori della scuola

23 Apr

Con questa lettera aperta vogliamo lanciare un appello a tutti i lavoratori e a tutte le lavoratrici della scuola perché crediamo che  non sia più possibile assistere inerti di fronte alla attuale situazione scolastica, al peggioramento delle condizioni di chi ci lavora e ci studia. Crediamo che su tre grandi questioni oggi sia possibile una risposta  unitaria del mondo della scuola.

1)  IL CONTRATTO

Tutti i dati statistici parlano di un evidente impoverimento di fasce sempre maggiori di lavoratori e lavoratrici e di un sempre maggiore arricchimento delle fasce più abbienti della popolazione. Nel settore scuola da calcoli Istat in 20 anni abbiamo perso 1/3 del nostro potere d’acquisto cioè l’equivalente, calcolato sullo stipendio medio minimo, di circa 400 euro mensili. Il contratto è scaduto dal 2009 e di rinnovo neanche si parla con un blocco previsto almeno fino alla fine del 2014 Nel frattempo in modo unilaterale i governi attribuiscono sempre nuovi carichi di lavoro al personale docente dichiarandone una presunta obbligatorietà (Invalsi, Bes, registri, ecc) e al personale Ata (diminuzione degli organici, mancato riconoscimento delle posizioni stipendiali, ecc)

Contestualmente nelle scuole le risorse disponibili diminuiscono  drasticamente di anno in anno e molti dirigenti scolastici, con la pretesa  applicazione della legge Brunetta, tendono ad aumentare a dismisura pratiche autoritarie decidendo autonomamente incarichi e retribuzioni, ignorando le competenze delle rappresentanze sindacali, degli organi collegiale e delle assemblee Ata.

Proponiamo

  • immediato riconoscimento salariale (almeno 200 euro)
  • salvaguardia integrale degli scatti di anzianità e delle posizioni economiche
  • salvaguardia della parte normativa del CCNL e ritiro delle disposizioni della Brunetta.

 

2) IL PRECARIATO

Le condizioni del personale precario sono sensibilmente peggiorate negli ultimi anni a causa della draconiana politica di tagli perseguite da tutti i Governi. Per molti precari della scuola l’assunzione a tempo indeterminato è divenuta un miraggio, ed in molti casi, a causa dell’eliminazione d’intere classi di concorso (vedi emblematicamente la storia dell’arte), la prospettiva dell’assunzione si è trasformata drammaticamente, dopo molti anni d’insegnamento nell’incubo della disoccupazione. L’estensione a dismisura dell’utilizzo del personale precario rispetto alla politica delle assunzioni ha favorito un eccesso di ricattabilità nei confronti di tutto il personale della scuola e di frammentazione delle condizioni di lavoro e dei diritti dei lavoratori stessi. Per questo motivo la lotta storica  per l’assunzione a tempo indeterminato su tutti i posti vacanti dopo tre anni di lavoro – diritto riconosciuto anche da una sentenza della Corte Europea – rappresenta un elemento di ricongiunzione e di difesa di tutto il personale della scuola che in tal senso perderebbe quel carattere di frammentazione e disparità di diritti che oggettivamente lo indebolisce. La proposta di reclutamento sulla base della chiamata diretta, poi, oltre a rappresentare un potentissimo strumento di ricatto nei confronti del personale precario da parte dei dirigenti scolastici, accelererebbe il processo di privatizzazione delle scuole in atto con conseguenze gravissime per la scuola.

Proponiamo

  • Immissione in ruolo dei precari su tutti i posti vacanti
  • equiparazione dei diritti contrattuali (malattie, ferie, permessi)

 

3) LE PROPOSTE DI RIFORMA

Il neo ministro Giannini ha immediatamente dichiarato le sue intenzioni: riforma degli Organi Collegiali, chiamata diretta dei supplenti da parte del Dirigente Scolastico, taglio di un anno del percorso scolastico, aumenti solo in base al merito, ecc

Noi diciamo  un chiaro NO a tutte queste proposte che tendono a decretare un peggioramento dell’offerta formativa, un aumento del conflitto tra lavoratori/trici.

 

Su questi punti chiediamo a tutte i colleghi e le colleghe di dare la loro adesione e di creare un collegamento in rete.  Infatti prendendo atto della mancanza   di iniziativa congiunta da parte delle OOSS si debba pensare ad una mobilitazione che parta unitariamente dal basso dalle scuole stesse.

Diamo a tutte e a tutti appuntamento per una

ASSEMBLEA CITTADINA

lunedì 28 aprile alle 16,30 presso la sala Esquilino

in via Galilei 55 (fermata metro A Manzoni).

Coordinamento Scuole Roma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...