La forza delle nostre ragioni è più forte della vostra violenza!

16 Nov

Lo scorso 14 novembre abbiamo chiuso le nostre scuole e ci siamo riversati in tanti nelle piazze e nei cortei di Roma, con gli striscioni che hanno animato le nostre mobilitazioni in queste settimane e con le parole d’ordine che sono state condivise e approvate da oltre 130 scuole solo nella provincia di Roma: ritiro dell’aumento dell’orario di lavoro per gli insegnanti, ritiro del disegno di legge Aprea, blocco del concorso-truffa e rifinanziamento della scuola pubblica statale.

Insieme agli insegnanti e al personale ATA  sono scesi in piazza, come già hanno fatto il 10 novembre scorso, gli studenti e le studentesse di Roma, medi e universitari, in tantissimi, con gli striscioni delle loro scuole, dopo giorni di assemblee, autogestioni, occupazioni, in cui hanno denunciato la volontà di questo governo e della maggioranza parlamentare che lo sostiene di squalificare ulteriormente la scuola pubblica favorendo quella privata. Sono scesi armati della voglia di partecipare, dei loro volantini, della gioia di manifestare in una bella giornata di novembre, e dell’indignazione per subire giorno per giorno l’ingiustizia dell’istruzione negata, squalificata e offesa.

La risposta del governo è stata inqualificabile, come di chi sa di essere nel torto. La città è stata blindata, impedendo ai cortei di arrivare a Montecitorio, dove è in discussione il disegno di legge di stabilità, nonostante fosse stato autorizzato un presidio proprio in quella piazza. In tutti i paesi europei è possibile manifestare democraticamente sotto ai palazzi del potere, ma non in Italia.

In base alle numerose evidenze televisive, il Coordinamento ritiene che la gestione della piazza da parte delle forze di polizia sia andata al di là dei compiti istituzionali loro assegnati (che, fra l’altro, dovrebbero essere proprio quelli di garantire ai cittadini il pieno esercizio della loro libertà di espressione e manifestazione pubblica delle proprie idee). Da cittadini, docenti ed educatori riteniamo che rispondere a manganellate alla protesta di migliaia di studenti e lavoratori faccia pensare, purtroppo, ad altre tristi stagioni della nostra storia repubblicana. Di fronte allo spettacolo miserevole della politica parlamentare di questi anni, fatto di corruzione, scadimento morale e becero affarismo, ben altra risposta dovrebbe arrivare dalle istituzioni repubblicane al contributo di rinnovamento che migliaia di giovani, animati da disinteresse personale e passione civile, stanno dando collettivamente in questi giorni.

Siamo contrari alle politiche di austerità e continueremo a gridarlo nelle piazze, esercitando il nostro diritto a manifestare. Noi abbiamo dalla nostra parte la forza della ragione, e continueremo ad insegnare nelle nostre scuole che è con la forza della ragione che si vince.

Esprimiamo solidarietà alle studentesse e agli studenti pestate/i e fermate/i. Chiediamo l’immediata scarcerazione di tutti gli arrestati e il ritiro delle denunce.

Il Coordinamento delle scuole di Roma

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...